Home Art & StyleArte Narrow House di Erwin Wurm è la casa più stretta del mondo
La casa più stretta del mondo_ È Narrow House, il capolavoro di Erwin Wurm

Narrow House di Erwin Wurm è la casa più stretta del mondo

di Anna Smith

A cura di Anna Smith

Esplora con noi l’eccezionale universo di Narrow House, un capolavoro unico di Erwin Wurm situato a Le Havre, in Normandia, dove arte e architettura si fondono in un’esperienza senza precedenti.

Erwin Wurm e la sua arte provocatoria

L’arte di Erwin Wurm si caratterizza per la sua ironia e irriverenza, sviluppando un continuo e reciproco dialogo con gli oggetti e i simulacri che ci circondano. Il suo percorso artistico attraversa le insidie dei nuovi bisogni, si configura come un atto politico al di là della politica e offre uno sguardo disincantato sugli eccessi di un Occidente in crescente crisi d’identità.

È sorprendente notare che solo nel 2023 l’Italia ha ospitato la prima mostra completa di questo artista austriaco, figura chiave dell’arte contemporanea austriaca, rivelatosi negli anni Ottanta con le ormai mitiche One Minute Sculptures del 1988. Da quella prima esposizione, Wurm ha regalato al pubblico opere memorabili come la leggerezza ingombrante di Fat Car (2001), la straniante metafora di Misconcievable (2007), la minacciosa invadenza antropomorfa di Fat House (2017) e la dissacrante “conoscenza carnale” di Big Kiss (2015).

Narrow House di Erwin Wurm

Narrow House di Erwin Wurm

Wurm si avvicina agli oggetti quotidiani con la sensibilità di un saggista, utilizzando sarcastiche iperboli e paradossi insidiosi per invitare alla riflessione. Il suo umorismo e gioco sono ingredienti fondamentali che neutralizzano con un sorriso (amaro) i sottintesi antropologici e politici presenti nei suoi lavori. Come afferma lo stesso Wurm,

il gioco ha una forza sovversiva che permette di sollevare questioni senza essere né offensivi né dottrinali.

Narrow House, la casa più stretta del mondo, è un’opera che esemplifica la rilettura distorta dell’artista sulla quotidianità. Questa installazione, ispirata alla casa originale dei genitori di Wurm, offre un’esperienza disorientante al visitatore, con oggetti e arredi schiacciati ai limiti dell’irrealtà.

La casa diventa una metafora trasparente della mentalità ristretta della società del dopoguerra, riflettendo sul rapporto tra spazio abitativo e libertà individuale.

Le opere “deformate” di Wurm risultano sempre più attuali, inserite tra le pieghe del consumismo e della società dello spettacolo. Come in A casa di Vinicius De Moraes, la semplicità e complessità delle creazioni di Wurm trovano un parallelo nel capolavoro del poeta brasiliano. Entrambi trasmettono un senso di straniamento, rimanendo attuali e rilevanti nel contesto contemporaneo.

Potrebbe interessarti anche:

Alma: perle e gioielli
Logo Art & Glamour Magazine

Copyright © 2023  Art & Glamour Srl – All Right Reserved 

Designed and Developed by Luca Cassarà

Art & Glamour Srl – P.Iva: 12834200011
Registro Stampa N. Cronol. 7719/2023 del 23/03/2023
Tribunale di Torino R.G. N° 7719/2023 – Num. Reg. Stampa 5