Home Art & StyleArte “Il Peccato”, l’opera d’arte che svela la realtà della Chiesa
cover il peccato

“Il Peccato”, l’opera d’arte che svela la realtà della Chiesa

Il seducente richiamo del proibito

A cura di Anna Smith

Il desiderio è ciò che mette in modo ogni gesto. Si tratta di una forza tangibile, che volge il nostro sguardo e muove i nostri passi verso qualcosa o qualcuno. Ed è irresistibile. La lussuria, uno dei sette peccati capitali, non poteva che essere motivo di forte pentimento nel contesto fortemente proibitivo della Chiesa del Medioevo. Ma ci fu un grande artista, purtroppo poco conosciuto, che decise di raccontare quello che realmente accadeva una volta tramontato lo sguardo della Società sul corpo ecclesiastico. 

Il peccato di Heinrich Lossow, un olio realizzato nel 1880 e da alcuni definita scabrosamente erotica, è la storia di due corpi in pugno al voto di castità, ma che cedono alla passione carnale, andando oltre le sbarre di ferro, alle inferriate (sia fisiche che metaforiche) poste dalle regole rigide e senza perdono della religione Cattolica.

il peccato lossow

Heinrich Lossow, Il peccato, 1880.


L’opera raffigura una suora in giovane età e un monaco più maturo, nell’atto di consumare un rapporto sessuale: la religiosa ci appare frontalmente, con il volto abbandonato al piacere, travolto dall’estasi della passione, aggrappata ad un’inferriata di ferro battuto che la separa dal monaco, posto dietro di lei, che volge lo sguardo altrove, poiché non può guardare il terribile peccato che sta commettendo, tuttavia senza riuscire a rinunciare a quel richiamo. Il bianco e il nero predominano la scena, in un perfetto contrasto tra la pelle candida delle cosce, delle guance e delle mani della suora, del suo velo, e delle sfumature brune sul volto del prete, reso ancor più intenso dal colore nero delle tuniche religiose. Questa armoniosa opposizione di sfumature è accentuata dal gioco di luci e ombre naturali che troviamo all’interno della chiesa stessa, in cui il corpo della suora si manifesta dove la luce è più forte, mentre il monaco e la stessa inferriata rimangono in ombra, come a rappresentare la volontà di nascondere un atto tanto proibito.

Nella storia dell’arte, le sbarre hanno rappresentato innumerevoli volte una barriera che divide l’uomo e la donna (soprattutto nelle epoche in cui separare i sessi era imperativo): ciononostante, quelle stesse inferriate possono essere interpretate come uno spiraglio attraverso il quale gli innamorati possono unirsi. Si tratta infatti di un ostacolo difficile da superare, motivo per cui gli amanti erano ancora più decisi a trasgredire tutte le regole per trovare il modo di abbattere le barriere e unire anima e corpo. 

Potrebbe interessarti anche:

Alma: perle e gioielli
Logo Art & Glamour Magazine

Copyright © 2023  Art & Glamour Srl – All Right Reserved 

Designed and Developed by Luca Cassarà

Art & Glamour Srl – P.Iva: 12834200011
Registro Stampa N. Cronol. 7719/2023 del 23/03/2023
Tribunale di Torino R.G. N° 7719/2023 – Num. Reg. Stampa 5