Home FotografiaArt Girl Art Girl: Lidia Di Caro
artgirl (11)

Art Girl: Lidia Di Caro

di Luca De Nardo

A cura di Luca De Nardo

Vi presentiamo la nostra Art Girl del Numero 11 (2023)

Una bella donna che viene dal Sud d’Italia, modella per gioco all’inizio, modella con una forte consapevolezza di se stessa oggi. Sembra un percorso certo e conosciuto, quasi uguale a mille altre, ma non è così per Lidia. Mamma, con un lavoro certo e stabile, con un compagno con cui condivide la sua passione, senza nascondersi con pseudonimi e non curante di cosa la gente possa dire sul suo conto.
L’abbiamo intervistata… poche domande, perché sempre di corsa, ma non perché modella, ma perché donna, compagna e mamma con tutti i suoi impegni, i suoi sogni e le sue passioni.

Partiamo citando il ruolo della donna nella Fotografia.
Una donna che nei giorni d’oggi sta abbandonando il proprio archetipo imposto o desiderato dalla società, cercando di sdoganare e andare oltre il ruolo impostole. La Donna nella fotografia, un ruolo che nasconde una serie infinita di implicazioni, di giudizi e pregiudizi, di emozioni, di considerazioni. Ci racconti la Lidia che rappresenti, la donna che tu sei e vuoi rappresentare all’interno della fotografia che interpreti?

Fare la modella mi affascina perché mi permette di 

esprimere me stessa, il mio amore per il bello, la mia femminilità.

Posare è un po’ come indossare i panni di un’attrice che plasma la propria immagine rappresentando sempre una parte diversa di sé. In quanto donna ho sempre cercato di esprimere la mia femminilità nel senso più dolce e ammaliante del termine, forse come un tentativo di palesare il mio carattere, augurandomi venga fuori dai dai lavori che realizzo con fotografi di tutta Italia. Ho sempre odiato gli stereotipi e le etichette che spesso vengono attribuite alla modella in quanto tale.

Ti senti più Modella o Donna?

L’essere donna e modella sono due facce della stessa medaglia…

ogni donna dovrebbe potere manifestare la propria bellezza attraverso la fotografia

E’ un po’ come imprimere la propria immagine in maniera indelebile nonostante gli anni che passano.

Quali e quanti ostacoli hai dovuto affrontare e superare per tenere viva la tua passione?
Amo posare e per questo non ho mai temuto il giudizio altrui, sia che si tratti di quello della mia famiglia che di amici, colleghi, conoscenti. Tuttavia, essendo anche una persona molto sensibile, non sempre questo lato del mio carattere mi ha favorito in questo ambito artistico.

Il nudo di donna è o non è una forma d’arte?
E’ la più bella e armoniosa forma d’arte che esista. Quando ho iniziato a posare ero molto acerba e pura. La mia immagine era molto diversa da quello che sono oggi e il mio genere si focalizzava e incentrava sul ritratto e sul fashion con un pizzico dì glamour: fermandomi e mai andando oltre. Con gli anni ho acquisito maggiore consapevolezza del mio corpo  e soprattutto di me stessa ed ho imparato ad accettare quelli che prima consideravo i miei limiti fisici. E’ grazie questa progressiva crescita di Lidia come donna (non necessariamente legata ad una questione di età, ma di consapevolezza personale) che gradualmente ho cominciato a sperimentare altri generi: sono passata ai generi lingerie e al nudo artistico perché mi piace la forza e la sensualità che questi generi evocano….sempre però rimanendo all’interno del concetto di “arte”.

Immaginati tra 30 o 40 anni, quando amirerai le tue foto che hai realizzato da giovane. Come pensi ti guarderai?
Penserò: ammazza, che bella! (e si fa una bella risata n.d.r.) –  scherzoGuardando le mie foto fra anni sarò fiera di me e della vita che ho vissuto…non avrò rimpianti perché avrò fatto e sperimentato tutto ciò  che mi rendeva felice.

Potrebbe interessarti anche:

Alma: perle e gioielli
Logo Art & Glamour Magazine

Copyright © 2023  Art & Glamour Srl – All Right Reserved 

Designed and Developed by Luca Cassarà

Art & Glamour Srl – P.Iva: 12834200011
Registro Stampa N. Cronol. 7719/2023 del 23/03/2023
Tribunale di Torino R.G. N° 7719/2023 – Num. Reg. Stampa 5