Home FotografiaPhoto News World Press Photo: le immagini dei vincitori che raccontano la cruda attualità
the price of peace in afghanistan

World Press Photo: le immagini dei vincitori che raccontano la cruda attualità

A cura di Anna Smith

Il World Press Photo, uno dei più importanti concorsi di fotogiornalismo al mondo, ha annunciato i vincitori dell’edizione 2023. Ogni anno, questo evento offre una finestra sul mondo che non può lasciare indifferenti, mostrando le guerre, le crisi umanitarie e ambientali, le migrazioni e i sconvolgimenti che stanno caratterizzando il nostro tempo.

Brent Lewis, presidente di giuria, photo editor del New York Times e co-fondatore di Diversify Photo, ha dichiarato:

Le immagini e le storie dei vincitori rappresentano i temi più importanti e urgenti del 2022. Ci aiutano a portare avanti la tradizione di una fotografia capace di mostrarci l’universalità della condizione umana.

World Press Photo Long-Term Project Award, Battered Waters © Anush Babajanyan, VII Photo/National Geographic Society

World Press Photo Long-Term Project Award, Battered Waters © Anush Babajanyan, VII Photo/National Geographic Society – Il progetto di Anush Babajanyan mette in luce la difficoltà che quattro paesi dell’Asia centrale, privi di sbocco sul mare, stanno incontrando nella lotta contro la crisi climatica e la gestione delle forniture idriche condivise. 

 

Il fotografo dell’Associated Press Evgeniy Maloletka ha vinto il titolo di World Press Photo of the Year, documentando l’assedio di Mariupol fin dalle prime fasi dell’invasione russa dell’Ucraina. Il suo scatto vincente, realizzato il 9 marzo 2022, ritrae Iryna Kalinina, una giovane donna incinta che viene portata fuori dall’ospedale appena bombardato. Purtroppo, Iryna darà alla luce il corpo senza vita del suo bambino, Miron, che significa “pace” in ucraino. Mezz’ora dopo, Iryna morirà a causa delle ferite riportate.

Mariupol Maternity Hospital Airstrike © Evgeniy Maloletka, Associated Press

Mariupol Maternity Hospital Airstrike © Evgeniy Maloletka, Associated Press

 

Questa immagine è stata scelta all’unanimità come vincitrice del World Press Photo. Con il voto deciso nel primo anniversario dell’inizio della guerra in Ucraina, la giuria ha menzionato la forza di questa immagine e la storia che racchiude, così come le atrocità che mostra. La morte della donna e del suo bambino sintetizza bene che cos’è la guerra, così come il possibile scopo della Russia. Uno dei giurati ha affermato: “È come se stessero tentando di uccidere il futuro dell’Ucraina. – Brent Lewis

Secondo il rapporto dell’OSCE, l’ospedale di Mariupol è stato deliberatamente bombardato dai russi, causando tre morti e diciassette feriti. Le immagini dei vincitori del World Press Photo raccontano storie drammatiche, spesso difficili da guardare, ma che sono fondamentali per capire il nostro mondo e le sfide che dobbiamo affrontare.

World Press Photo Open Format Award, Here, The Doors Don’t Know Me © Mohamed Mahdy

World Press Photo Open Format Award, Here, The Doors Don’t Know Me © Mohamed Mahdy – Il lavoro di ricerca condotto da Mohamed Mahdy si concentra sull’analisi degli impatti dell’innalzamento del livello del mare sulla comunità locale di Al Max, un villaggio di pescatori situato lungo il canale Mahmudiyah ad Alessandria d’Egitto. 

 

In copertina: World Press Photo Story of the Year, The Price of Peace in Afghanistan © Mads Nissen, Politiken/Panos Pictures

Dopo il ritiro delle forze militari statunitensi e alleate dall’Afghanistan nell’agosto del 2021, i Talebani sono ritornati al potere. La cessazione degli aiuti esteri e l’insorgere di una grave siccità nel 2022 hanno aggravato la crisi economica del paese. Attualmente, secondo le Nazioni Unite, la metà della popolazione afghana soffre di una grave carenza di cibo e più di un milione di bambini sono gravemente malnutriti. La storia documentata da Mads Nissen rappresenta le molteplici difficoltà che il popolo afghano sta affrontando. Il suo scatto ritrae Khalil Ahmad, un giovane quindicenne la cui famiglia, per poter far fronte alla propria necessità di cibo, ha deciso di vendere il rene del ragazzo per soli 3.500 dollari americani. La mancanza di opportunità lavorative e il rischio di una morte per inedia hanno infatti causato un preoccupante aumento del commercio illegale di organi. La fotografia è stata scattata ad Herat, in Afghanistan, il 19 gennaio 2022.

Potrebbe interessarti anche:

Alma: perle e gioielli
Logo Art & Glamour Magazine

Art & Glamour Srl – P.Iva: 12834200011
Registro Stampa N. Cronol. 7719/2023 del 23/03/2023
Tribunale di Torino R.G. N° 7719/2023 – Num. Reg. Stampa 5

INSTAGRAM

Copyright © 2023  Art & Glamour Srl – All Right Reserved  – Designed and Developed by Luca Cassarà