Home Fotografia Il Tuffatore, catturata da Nino Migliori a Rimini
il tuffatore

Il Tuffatore, catturata da Nino Migliori a Rimini

L’estetica della spontaneità: Nino Migliori e la sua visione fotografica

A cura di Anna Smith

Rimini, estate del 1951: il molo è il palcoscenico di vivaci giochi giovanili e gare di tuffi. In questo contesto, un giovane tuffatore attira l’attenzione di Nino Migliori,

fotografo emergente che nel 1948 ha abbracciato la fotografia come mezzo per riscoprire la bellezza del mondo dopo gli anni di guerra.

La scena si svolge in pochi istanti: una breve rincorsa, due o tre metri di slancio e il tuffo nell’acqua.

La cattura del momento perfetto: Nino Migliori e la sua Rolleiflex 6×6

Nino Migliori, presente sulla scena con la sua fedele macchina fotografica, una Rolleiflex 6×6 a pozzetto, ambisce a immortalare il tuffatore nel momento in cui è perfettamente parallelo all’acqua. Questo istante fugace diventa una sfida al trascorrere del tempo, una sfida che Nino Migliori riesce a vincere grazie alla sua maestria tecnica e alla potenza espressiva del suo strumento fotografico. Con pochi scatti, cattura l’attimo magico.

Emozione e composizione: i dettagli che rendono ‘Il Tuffatore’ un capolavoro

Tuttavia, l’immagine va oltre la semplice tecnica fotografica. Ciò che rende questa fotografia iconica è la sua capacità di trasmettere emozioni e narrare una storia. Il mare, calmo e silente, costituisce il fondale perfetto per l’azione che si sta svolgendo.

Il tuffatore, sospeso nell’aria, domina l’intero fotogramma con la sua audacia.

Accanto a lui, il fratello seduto aggiunge un elemento di simmetria e sostegno alla composizione complessiva. Il suo corpo curvato sembra quasi sorreggere il peso dell’immagine stessa. Perfino il ciuffo di capelli del giovane si muove appena, catturando l’effimero istante.

È innegabile che l’occhio attento e sensibile di Nino Migliori abbia giocato un ruolo cruciale nella creazione di questa immagine straordinaria. La sua capacità di cogliere il momento giusto e la sua profonda connessione con la scena gli hanno permesso di catturare un istante di vita che va oltre il mero soggetto.

La sua visione artistica si traduce in un’immagine che parla di gioventù, audacia e di un rapporto speciale tra l’uomo e il mare.

Potrebbe interessarti anche:

Alma: perle e gioielli
Logo Art & Glamour Magazine

Copyright © 2023  Art & Glamour Srl – All Right Reserved 

Designed and Developed by Luca Cassarà

Art & Glamour Srl – P.Iva: 12834200011
Registro Stampa N. Cronol. 7719/2023 del 23/03/2023
Tribunale di Torino R.G. N° 7719/2023 – Num. Reg. Stampa 5