Home Art & StyleArte Il fascino dei presepi di carta di Francesco Londonio – Museo Diocesano Carlo Maria Martini

Il fascino dei presepi di carta di Francesco Londonio – Museo Diocesano Carlo Maria Martini

A cura di Anna Smith

Dal 1° dicembre 2023 al 28 gennaio 2024, il Museo Diocesano Carlo Maria Martini di Milano apre le sue porte a un evento straordinario che ripercorre la suggestiva tradizione dei presepi di carta. Questa esposizione unica celebra l’arte distintiva di Francesco Londonio (1723-1783), il rinomato pittore e incisore milanese noto per le sue opere bucoliche e pastorali, tra cui il celebre Presepe del Gernetto, custodito nel museo.

Esplorando arte e storia: la rassegna curata da esperti

La rassegna, composta da circa quaranta opere, è curata con maestria da due esperte del settore: Alessia Alberti, conservatrice del Gabinetto dei Disegni e Raccolta delle Stampe “A. Bertarelli” del Castello Sforzesco di Milano, e Alessia Devitini, conservatrice del Museo Diocesano di Milano. In collaborazione con le Raccolte Grafiche e le Raccolte Artistiche del Castello Sforzesco di Milano, e con il patrocinio di Regione Lombardia, Comieco, Ispe, e Associazione Consiglieri Lombardia, la mostra celebra il doppio anniversario dell’ottavo centenario della prima rappresentazione del Presepe nel 1223 e del terzo centenario dalla nascita di Londonio.

Il percorso espositivo inizia con una selezione di opere di Francesco Londonio, mettendo in evidenza la sua dedizione al mondo pastorale. Opere provenienti dalla Pinacoteca e dal Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco rivelano la sua visione del mondo tra Arcadia e Illuminismo, ispirando la produzione dei presepi di carta. Il confronto con il Presepe del Gernetto mostra come Londonio considerasse la sua attività legata ai presepi alla stessa stregua delle sue opere più impegnate.

Sono esposte acqueforti dedicate al Conte Giacomo Mellerio, committente del Presepe del Gernetto. Dai primi esempi di Londonio, la tradizione dei presepi di carta si diffonde in Lombardia, documentata dalla Civica Raccolta delle Stampe Achille Bertarelli. Gli esemplari più antichi, risalenti al Settecento e legati agli editori Remondini, sono testimonianza della perdurante fortuna di questa tradizione.

La mostra include anche cartoline di auguri e biglietti pop-up di diverse epoche, evidenziando come i presepi di carta abbiano continuato a essere protagonisti nel corso del tempo.

La conclusione dell’iniziativa è sottolineata dall’esposizione integrale e restaurata del Presepe del Gernetto, un’opera straordinaria composta da circa 60 figure dipinte a tempera su carta e cartoncino sagomati. L’opera, commissionata dal conte Giacomo Mellerio nel Settecento, prende il suo nome dalla suggestiva villa Gernetto a Lesmo, in Brianza.

Museo Diocesano Carlo Maria Martini – MILANO
Piazza Sant’Eustorgio 3
Sito Ufficiale chiostrisanteustorgio.it

In copertina: Francesco Londonio, Pastore che beve, pastora con cesto di uova, asino, pecore e capre, seconda metà del XVIII secolo, olio su tela, cm. 46x63,5. Castello Sforzesco, Milano

Potrebbe interessarti anche:

Alma: perle e gioielli
Logo Art & Glamour Magazine

Art & Glamour Srl – P.Iva: 12834200011
Registro Stampa N. Cronol. 7719/2023 del 23/03/2023
Tribunale di Torino R.G. N° 7719/2023 – Num. Reg. Stampa 5

INSTAGRAM

Copyright © 2023  Art & Glamour Srl – All Right Reserved  – Designed and Developed by Luca Cassarà