Home Edizioneed. 7 JOHN RICHMOND
john richmond (1)

JOHN RICHMOND

“Rock and Roll Can Never Die”

A cura di Lorenza @lastanzettarosa

John Richmond, pioniere e guru per eccellenza della moda rock. Sempre fedele a se stesso, al suo stile e alle sue ispirazioni che, come lui stesso afferma, arrivano dal passato, dal presente e dal futuro.
Nel suo atelier, musica e chitarra (John è un eccellente musicista ndr) da sempre presenti per accompagnare la costante ricerca di tutto ciò che può attrarre persone dallo spirito indipendente e libero. Il cliente Richmond vuole distinguersi, ma soprattutto vuole emergere.

John è sempre riuscito ad equilibrare in maniera esemplare e personale sapienza sartoriale e amore per la musica, raggiungendo uno stile unico che abbraccia punk, gotico e dark e abbatte ogni muro tra prêt-à-porter e street style. Per Richmond musica e moda sono indissolubili e tra le prestigiose collaborazioni troviamo David Bowie, Madonna, Mick Jagger e come non ricordare la giacca modello “Destroy” indossata da George Michael nel video “Faith”.

Con molto piacere trovo un artista umile e gentile. Grintoso ma dotato del tipico savoir faire inglese. Ciao John, per trovare qualsiasi equilibrio serve intelligenza e a tal proposito partiamo proprio dalle tue parole:

“Una donna è attraente quando è intelligente”. Come si veste una donna intelligente?
Una donna intelligente sa cosa va bene per lei.  Può essere estrema, fine, sobria ma chic. 

“Non ci sono errori, solo esperienze interessanti”. Quali sono stati i tuoi errori e quali le cose più belle?
Sono tanti gli errori che ho commesso, la maggior parte dei quali sono stati dimenticati. Il più divertente è stato quello di chiedere a mio fratello, che è un grafico, di scrivere lo slogan “Destroy, Disorientate, Disorder”. Non è mai stato molto bravo in inglese e ha scritto Disorientate con la A, “DisoriAntate”. Quindi per rimediare ha disegnato un cerchio intorno alla A per far capire che era un errore ed è stato interpretato come un simbolo di anarchia, siccome si adattava allo slogan l’abbiamo tenuto.  

Il rock ha da sempre ispirato la tua moda: quali personaggi in particolare hanno dato un contributo sostanziale allo stile di Richmond?
I miei anni di riferimento sono stati gli anni ’70: Bowie, Roxy Music, Marc Bolan, il punk, la disco, la new wave… Mi piaceva la musica che aveva uno stile.

C’è qualche celebrità con cui sei rimasto in contatto e che hanno un rapporto di amicizia con te?
Sono molto amico di Bryan Adams (eccellente fotografo oltre che artista ndr) e Dave Stewart con cui continuo a collaborare per diversi progetti.

Possono coesistere sartorialità e spregiudicatezza?
Una amplifica l’altra, amo la giustapposizione delle due cose.

Quali progetti hai in cantiere? Cosa vorrebbe dire, usando la moda, che non è stato ancora stato detto?
Come molti sono preoccupato per il pianeta e per quello che stiamo facendo. Vorrei impegnarmi di più in questo senso e aiutare in qualsiasi modo.  

John Richmond per la sfilata Shiba, entra nel mondo della NFT. È un’incursione a sé stante o vuoi davvero esplorare questa possibilità?
Questo è un territorio nuovo che cambia continuamente, è difficile sapere cosa sta succedendo nel presente, per non parlare del futuro. Sì, l’intero mondo della NFT è interessante e tutto ciò che è nuovo è attraente.  

Distruggere, disorientare, disordinare: estetica o modo di essere?
Entrambe le cose, non bisogna mai rimanere fermi ma spingersi sempre oltre i confini.  

Il tuo marchio è passato di mano, come accade a quasi tutti nel mondo della moda: qual è il tuo sogno, arrivati a un punto della vita in cui si fa un bilancio di ciò che si è fatto? Cosa desideri per il marchio che porta il tuo nome?
Non guardo mai indietro, quello che è stato fatto ieri è passato.
Sono entusiasta di ciò che farò domani.  Spero che il mio marchio continui a esistere anche dopo la mia morte. 

Se fossi un film, quale sarebbe?
Un film molto lungo, con una trama in continua evoluzione, diretto da Quentin Tarantino.  

Potrebbe interessarti anche:

Alma: perle e gioielli
Logo Art & Glamour Magazine

Copyright © 2023  Art & Glamour Srl – All Right Reserved 

Designed and Developed by Luca Cassarà

Art & Glamour Srl – P.Iva: 12834200011
Registro Stampa N. Cronol. 7719/2023 del 23/03/2023
Tribunale di Torino R.G. N° 7719/2023 – Num. Reg. Stampa 5