Home Art & Style Il cioccolato: una storia erotica che continua da più di cinquecento anni
Cioccolato Luca De Nardo

Il cioccolato: una storia erotica che continua da più di cinquecento anni

Al cioccolato, alimento che risale alla notte dei tempi, è sempre stato assegnato un ruolo afrodisiaco e di piacere erotico. Il 7 luglio si celebra l’oro nero a cui è dedicato una giornata mondiale.

Da Montezuma passando per le corti europee, il cioccolato, pregiata miscela di cacao, zucchero e altri aromi, ha sempre smosso i sensi in modo profondo e a volte impercettibile, fino ad ottenere lo status di autentica opera d’arte.
Si dice che l’imperatore azteco Montezuma ne consumasse grandi quantità, sciolto con il miele, per migliorare le sue doti amatorie. Non stupisce dunque che il cioccolato abbia da allora una gran fama come afrodisiaco e moltiplicatore dell’eros, ancora da prima che lo scoprissero gli europei, che gli diedero una fama enorme prima come bevanda poi come alimento solido.

CACAO

Si scomodò persino Papa Alessandro VII per dire che il suo consumo era lecito in Quaresima e negli altri giorni dove vigevano restrizioni alimentari. Insomma, un peccato di gola che diventa lecito e consente di moltiplicare altri peccati. Specie quando si combina con un altro elemento proveniente dall’America latina: il peperoncino. Inutile dire che la sua diffusione nelle Corti del Settecento fu una perfetta aggiunta a un mood liberatorio che pervadeva le corti e i salotti d’Europa. Liberazione che passava anche dal suo consumo. All’epoca, poi si usava anche per i disturbi dell’umore e quasi ognuno di noi prima o poi l’ha usato con questo scopo antidepressivo fai da te.

Nessun altro alimento però è mai stato usato così tanto per evocare l’erotismo così come il cioccolato.

cioccolato luca de nardo 2Del resto, durante uno dei suoi tanti periodi di prigionia, il Marchese Donatien Alphonse De Sade, forse lo scrittore erotico più scriveva nel 1779 una lettera alla moglie chiedendole che inviasse in carcere dei biscotti “al profumo di cioccolato”.

Forse qui cominciamo a capire perché il cioccolato piace tanto come strumento di piacere: perché è solido e si scioglie, allo stesso modo in cui si perdono le inibizioni quando ci si diverte con un’altra persona.

Sono innumerevoli i suoi usi nella produzione pornografica, ma sono spesso banali e scontati. Molto più raffinato, invece, l’uso che ne fa il film del 2000 Chocolat, dove la pasticcera Juliette Binoche sconvolge la quiete sonnolenta e ipocrita di un paesino francese utilizzando appunto l’alimento magico (cfr. a proposito di Pasticceri e cioccolato, leggete l’intervista a Davide Merigo e il cioccolato).

Per passare alla moda, nel 1994 alcuni artigiani francesi decisero di renderlo anche un pezzo d’arte, creando appunto un Salon du Chocolat, che sull’esempio di quelli famosi nel corso del diciannovesimo secolo, facesse da esposizione e da cassa di risonanza alle maggiori creazioni a livello mondiale.
Un’idea che ha girato il mondo, passando anche per Milano nel corso del 2016. E del resto ormai cioccolato è anche un colore adatto ad abiti eleganti e a nuove colorazioni per capelli proprio perché il cioccolato evoca quello: un caldo abbraccio sensuale, lo stesso che a fine pasto ci riserva quello che forse è il dessert al cucchiaio più famoso del mondo, il tortino di cioccolato dal cuore morbido, inventato nel 1981 dallo chef francese Michel Bras, ispirandosi al calore che gli aveva dato la degustazione di una cioccolata in tazza dopo una discesa sugli sci.

Il Tortino di cioccolato di Michel Bras

Il Tortino di cioccolato di Michel Bras


Questo dolce, è, nelle parole del suo creatore, “un’estasi dei sensi”. Perché, il cucchiaio, quando infrange la superficie, sprigiona un fiotto lavico di cacao dolce rovente. E chissà quante volte proprio questo sarà stata la conclusione di una cena romantica a due. Una conclusione straordinaria, sin dai tempi di Montezuma, che da quasi trent’anni viene onorata come si conviene:

come un’opera d’arte che coinvolge i cinque sensi.

A cura di Matteo Muzio

Potrebbe interessarti anche:

Alma: perle e gioielli
Logo Art & Glamour Magazine

Art & Glamour Srl – P.Iva: 12834200011
Registro Stampa N. Cronol. 7719/2023 del 23/03/2023
Tribunale di Torino R.G. N° 7719/2023 – Num. Reg. Stampa 5

INSTAGRAM

Copyright © 2023  Art & Glamour Srl – All Right Reserved  – Designed and Developed by Luca Cassarà